Nuove regole sui mutui: maggiore trasparenza e più tutele per i consumatori

Con l’approvazione del decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/17/Ue, il governo ha fatto un passo importante verso il recepimento di una normativa che cambierà il mondo dei mutui, garantendo maggiore trasparenza e più tutele per i consumatori.

Pausa di riflessione prima della firma

Tra le principali novità della direttiva Med (Mortgage credit directive) c’è sicuramente la cosiddetta “pausa di riflessione”. L’aspirante mutuatario ha infatti diritto a un periodo di riflessione di almeno sette giorni durante il quale potrà confrontare le offerte sul mercato e valutarne le implicazioni per prendere così la decisione migliore.

Merito creditizio dell’aspirante mutuatario

Il consulente finanziario dovrà informare il consumatore nel caso in cui una richiesta di credito comporti un peso difficilmente sostenibile per il creditore. Le banche potranno controllare le banche dati che contengano informazioni importanti sul consumatore.

Mutuatari morosi

Si tratta di uno dei capitoli più interessanti della nuova direttiva. Impone alle banche di esercitare un ragionevole grado di tolleranza prima di dare avvio a pignoramenti ed esecuzioni forzate su immobili su cui grava un’ipoteca. Inoltre viene stabilità l’esdebitazione in seguito della vendita all’asta: se in seguito all’esecuzione forzata dell’immobile rimane una parte del credito in capo alla banca, questo credito può essere cancellato

Valutazione standard degli immobili

I finanziatori dovranno adottare metodi standard per la valutazione degli immobili ai fini della concessione di un’ipoteca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...