Istat: il settore residenziale traina la ripresa del mattone, +5,7% nel 2015

Secondo l’Istituto nazionale di statistica, il 2015 si conferma l’anno della ripresa per il mercato immobiliare, che chiude con una crescita del 5,2% sul 2014, per un totale di 625.305 trasferimenti a titolo oneroso di unità immobiliari. Ma a trainare il comparto è il residenziale, con un +5,7% rispetto all’anno precedente, mentre le abitazioni ad uso economico tornano in terreno negativo.

Andamenti differenziati per il comparto ad uso abitativo e quello economico: se le convenzioni delle unità immobiliari ad uso abitazione ed accessori (584.822) registrano un aumento del 5,7%, quelle ad uso economico (36.891) tornano in territorio negativo (-1,3%) dopo la crescita nell’anno precedente.

Nel comparto dell’abitativo ed accessori, la crescita è superiore alla media nazionale al Nord-est (+8,8%) e al Nord-ovest (+6,3%) mentre per le Isole (+5,4%), il Sud (+3,7%) e il Centro (+3,6%) le variazioni sono positive ma più contenute. Nel settore dell’immobiliare ad uso economico, invece, si registrano aumenti soltanto al Centro (+1,9%) e nelle Isole (+1,5%) mentre Nord-est (-2,8%), Nord-ovest (-2,7%) e Sud (-1,3%) reagiscono ancora con difficoltà alla crisi.

Il Quarto trimestre del 2015

Analizzando il quarto trimestre dello scorso anno, le convenzioni notarili per trasferimenti immobiliari a titolo oneroso registrano un aumento del 9,1% sullo stesso trimestre del 2014. Anche in questo caso, ad aumentare è il settore residenziale, in crescita del 10% (171.517), mentre i trasferimenti immobiliari ad uso economico registrano un calo del 2,5% (11.121)

L’andamento del comparto dal 2006

In una prospettiva temporale più ampia, ponendo il 2006 come anno base, è possibile osservare come i numeri indice riferiti al complesso delle convenzioni notarili per trasferimenti immobiliari siano andati progressivamente decrescendo fino a quasi dimezzarsi, da 94,9 del 2007 a 52,6 del 2013. Il 2014 segna un punto di svolta, i numeri indice riprendono a crescere, attestandosi nel complesso a 53,4 per poi salire a 56,2 nel 2015. Tuttavia mentre l’indice dei trasferimenti ad uso abitativo ed accessori passa da 53,6 nel 2014 a 56,6 nel 2015, quello riferito al settore economico decresce nuovamente da 54,2 a 53,5.

Istat: il settore residenziale traina la ripresa del mattone, +5,7% nel 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...